Berlusconi indagato a Roma per ​corruzione in sentenze del Consiglio di Stato

Silvio Berlusconi è indagato a Roma per corruzione in atti giudiziari nell’ambito dell’indagine della Procura di Roma su alcune sentenze pilotate del consiglio di Stato.

Il filone di indagine che ha portato all’iscrizione di Berlusconi è legato alla sentenza del Consiglio di Stato del 3 marzo 2016 che annullò per l’ex presidente del Consiglio l’obbligo di cedere una quota detenuta in banca Mediolanum.

La maxi indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Stefano Rocco Fava, nelle scorse settimane ha portato ad una serie di arresti che hanno riguardato anche magistrati.

Annunci