Vai al contenuto
Annunci

Cristiano Ronaldo già in doppia cifra: alla Juventus meglio di Inzaghi e Higuain

Partito con il freno a mano tirato, dovendosi per forza di cose abituare ad un campionato diverso come quello di Serie A, Cristiano Ronaldo sta esplodendo come tutti si aspettavano in questo autunno. Se la Juventus vince lui segna e se non lo fa regala assist essenziali ai compagni. Ma lui, cannibale del goal, deve sopratutto far quello. E sì che lo sta facendo.

Sono già dieci le reti ufficiali di Cristiano Ronaldo con la maglia della Juventus, nove delle quali in campionato. Nove reti che lo rendono capocannoniere al pari di un Piatek fermatosi qualche settimana fa, proprio dalla gara contro Madama. Coincidenza? Sì, il destino beffardo da allora ha portato il lusitano alla grande rimonta.

Dieci, si diceva. Sono bastate sedici gare a Cristiano Ronaldo per arrivare in doppia cifra con la Juventus nella stagione d’esordio bianconera. Si scava, dunque, e si trova quello che si cercava. Rispetto ai vecchi grandi bomber di Madama, il lusitano ha fatto decisamente meglio nella prima annata.

Meglio di  Inzaghi  , dieci volte in goal dopo diciotto match, di  Higuain  (venti partite) e  Trezeguet  (ventinove). Cristiano Ronaldo non è stato progettato, anche se il suo fisico robotico lo suggerirebbe, ma si è modellato su un solo obiettivo, quello di battere ogni record e allo stesso tempo allargare il suo sconfinato palmares. Divenuto museo per mancanza di spazio casalingo.

L’unica rete extra-Serie A è stata quella contro il Manchester United, sì magnifica ma capitata in una gara più nera che bianca per la Juventus, visto il blackout dei munuti finali che hanno portato all’unica disfatta stagionale per il team Allegri, per il resto, pareggio con il Genoa escluso, sempre vincente.

Se il Real Madrid di Modric continua a faticare senza trovare quella continuità estrema a cui le grandi big puntano ogni annata, Cristiano Ronaldo e la Juventus sbagliano una volta ogni allineamento astrale. Potrebbe incidere sul Pallone d’Oro, nonostante il croato sia ancora il favorito dopo la vittoria del The Best. Oggettivamente, però, a Torino le cose vanno meglio che a Madrid.

In ogni caso a dicembre, il vincitore del Pallone d’Oro non cambierà le carte in tavola, dovesse essere Modric. Cristiano Ronaldo punterà comunque la tripletta con la Juventus: premio di squadra e premio personale insieme.

 

Categorie

Calcio

Tag

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: